Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next


La guida Debian
Capitolo 10 - Configurare la rete


Questo capitolo � focalizzato sull'amministrazione di rete in Debian. per un'introduzione generale alla rete in GNU/Linux, leggete il Net-HOWTO.

Per permettere ad un host Debian di accedere ad Internet, le sue interfacce di rete devono essere supportate dal kernel e propriamente configurate.

Il primo requisito � il supporto del kernel per i dispositivi di rete, tipo schede Ethernet, Wi-Fi e modem. Per ottenere detto supporto potreste dover ricompilare il kernel, o aggiungere moduli ad esso, come descritto in Il kernel Linux su Debian, Capitolo 7.

La configurazione dei dispositivi di rete � spiegata sotto. Le informazioni di questo capitolo sono state aggiornate per Sarge. Molte di esse non si applicano a distribuzioni precedenti.


10.1 Le basi dell'IP networking

Un host Debian pu� avere parecchie interfacce, ciscuna con il proprio indirizzo IP (Internet Protocol). Le interfacce possono essere di tipi differenti, inclusi:

  • Loopback: lo

  • Ethernet: eth0, eth1, ...

  • Wi-Fi: wlan0, wlan1, ... [52]

  • Token Ring: tr0, tr1, ...

  • PPP: ppp0, ppp1, ...

Esiste una vasta gamma di altri dispositivi di rete disponibili, inclusi SLIP, PLIP (linea seriale e parallela IP), dispositivi "shaper" per controllare il traffico su certe interfacce, frame relay, AX.25, X.25, ARCnet, e LocalTalk.

Ciascuna interfaccia connessa direttamente ad Internet (o a qualsiasi rete basata su IP) viene identificata da un indirizzo unico a 32 bit. [53] L'indirizzo Ip pu� essere diviso in una parte relativa alla rete e ad una parte relativa all'host. Se prendete un indirizzo IP, impostate ad 1 i bit relativi alla rete e a 0 quelli relativi all'host, ottenete il net mask della rete.

tradizionalmente, le reti IP sono raggruppate in classi, le cui parti di indirizzo sono lunghe 8, 16 o 24 bit. [ 54]

               Indirizzi IP                   net mask      lunghezza
     Classe A  1.0.0.0     - 126.255.255.255  255.0.0.0     =  /8
     Classe B  128.0.0.0   - 191.255.255.255  255.255.0.0   = /16
     Classe C  192.0.0.0   - 223.255.255.255  255.255.255.0 = /24

Gli indirizzi che non sono in questi intervalli vengono usati per scopi speciali.

Esistono intervalli in ciascuna classe che sono riservati per l'uso nelle local area network (LAN). Questi indirizzi sono garantiti non entrare in conflitto con qualsiasi indirizzo di Internet propriamente detto. (Per lo stesso ragionamento, se uno di essi viene assegnato ad un host, allora detto host non deve accedere direttamente ad Internet, ma attraverso un gateway che agisca come proxy per i singoli servizi od altrimenti esegua Network Address Translation.) Questi intervalli vengono forniti nella tabella seguente, insieme al numero di intervalli per ciascuna classe.

               indirizzi                  lunghezza quantit�
     Class A   10.x.x.x                     /8      1
     Class B   172.16.x.x -  172.31.x.x     /16     16
     Class C   192.168.0.x - 192.168.255.x  /24     256

Il primo indirizzo di una rete IP � l'indirizzo della rete stessa. L'ultimo � l'indirizzo di broadcast per la rete. [ 55] Tutti gli altri indirizzi della rete possono essere allocati agli host. Di questi, il primo o l'ultimo indirizzo vengono in genere allocati al gateway Internet per la rete.

La tablla d'instradamento contiene le informazioni del kernel su come inviare i pacchetti IP alle loro destinazioni. Ecco un esempio di tabella per un host Debian su una LAN con indirizzo IP 192.168.50.x/24. L'host 192.168.50.1 (anch'esso sulla LAN) � un router per la rete aziendale 172.20.x.x/16 e l'host 192.168.50.254 (anch'esso sulla LAN) � un router per Internet.

     # route
     Kernel IP routing table
     Destination   Gateway        Genmask       Flags Metric Ref Use Iface
     127.0.0.0     *              255.0.0.0     U     0      0     2 lo
     192.168.50.0  *              255.255.255.0 U     0      0   137 eth0
     172.20.0.0    192.168.50.1   255.255.0.0   UG    1      0     7 eth0
     default       192.168.50.254 0.0.0.0       UG    1      0    36 eth0
  • La prima riga dopo l'intestazione dice che il traffico destinato alla rete 127.x.x.x verr� reindirizzato attraverso lo, l'interfacia di loopback.

  • La seconda riga dice che il traffico destinato agli host sulla LAN verr� reindirizzato attraverso eth0.

  • La terza dice che il traffico destinato alla ret aziendale verr� reindirizzato verso il gateway 192.168.50.1, sempre tramite eth0.

  • La quarta dice che il traffico destinato ad Internet verr� reindirizzato verso il gateway 192.168.50.254, sempre tramite eth0.

Gli indirizzi IP nella tabella possono apparire anche come nomi, ottenuti guardando gli indirizzi in /etc/networks o usando il resolver della Libreria C.

In aggiunta al reindirizzamento, il kernel pu� eseguire network address translation, traffic shaping e filtering.

Vedere il Net-HOWTO ed altri HOWTO sul networking per maggiori informazioni di base.


Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire