Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

NOTE: CentOS Enterprise Linux is built from the Red Hat Enterprise Linux source code. Other than logo and name changes CentOS Enterprise Linux is compatible with the equivalent Red Hat version. This document applies equally to both Red Hat and CentOS Enterprise Linux.
Linuxtopia - CentOS Enterprise Introduzione al System Administration - Gestione giornaliera dello storage

5.7. Gestione giornaliera dello storage

Gli amministratori di sistema devono prestare molta attenzione nei riguardi dello storage durante i propri compiti giornalieri. Ci sono diverse problematiche da tener presente:

  • Controllo dello spazio disponibile

  • Problematiche relative al disk quota

  • Problematiche relative al file

  • Problematiche relative alla directory

  • Problematiche relative al backup

  • Problematiche relative alla prestazione

  • Aggiunta/rimozione dello storage

Le seguenti sezioni affrontano i suddetti punti in modo pi� dettagliato.

5.7.1. Controllo dello spazio disponibile

Assicurarsi che ci sia sufficiente spazio disponibile, dovrebbe rappresentare uno dei compiti giornalieri pi� importanti di un amministratore di sistema. Il motivo per il quale il suddetto controllo � cos� importante, � dovuto al fatto che il suddetto spazio � cos� dinamico, che potrebbe esserci spazio sufficiente in un momento, mentre potrebbe essere quasi nullo un secondo pi� tardi.

In generale, ci sono tre ragioni che determinano uno spazio insufficiente:

  • Uso eccessivo da parte di un utente

  • Uso eccessivo da parte di una applicazione

  • Aumento normale nel suo utilizzo

I suddetti motivi verranno affrontati in dettaglio nelle seguenti sezioni.

5.7.1.1. Uso eccessivo da parte di un utente

Persone diverse possiedono differenti abilit�. Alcune persone potrebbero inorridirsi nel vedere una patina di polvere ricoprire un tavolo, mentre altri potrebbero accatastare senza alcun problema, numerosi contenitori usati per la pizza in un angolo della cucina. Lo stesso discorso si potrebbe fare con lo storage:

  • Alcune persone potrebbero essere molto meticolose nell'utilizzo dello storage, e non lasciare mai in giro i file non necessari.

  • Altre invece non hanno mai tempo per riorganizzare i propri file, e di sbarazzarsi quindi di quelli non pi� necessari.

In molte circostanze in cui un utente � responsabile nell'uso di grosse quantit� di storage, il responsabile viene sempre identificato come il secondo tipo di persona.

5.7.1.1.1. Come far fronte ad uno sfruttamento eccessivo da parte di un utente

Questa rappresenta un'area dove l'amministratore di sistema ha bisogno di unire tutta la diplomazia e le capacit� interpersonali che possiede. Molto spesso le discussioni riguardanti lo spazio del disco possono diventare molto spinose, in quanto molte persone vedono nelle restrizioni sull'utilizzo del disco, un aumento delle difficolt� nell'adempimento del proprio lavoro, oppure che le restrizioni sono troppe, o semplicemente che essi non hanno tempo sufficiente per eliminare i file a loro non pi� utili.

I migliori amministratori di sistema considerano in queste situazioni molteplici fattori. Sono le suddette restrizioni ragionevoli e giuste per il tipo di lavoro svolto dalla persona in questione? L'utilizzo di spazio fatto dalla suddetta persona, � un utilizzo corretto? � possibile aiutare in alcun modo questa persona a ridurre l'utilizzo di spazio (creando un CD-ROM di backup di tutte le email pi� vecchie)? Il vostro compito durante la conversazione, � quello di scoprire quanto sopra elencato, assicurandovi che la persona che non necessita di tutto questo spazio, elimini i file non pi� utili.

In alcun modo, mantenete la conversazione a livelli professionali. Cercate di risolvere tali problematiche in modo chiaro e cortese ("Capisco che lei sia molto occupato, ma qualsiasi altro dipendente nel suo dipartimento ha avuto le stesse istruzioni, ed il loro uso risulta essere la met� del suo."), e cercando di muovere la conversazione verso il punto desiderato. Assicuratevi di offrire assistenza se il problema risulta essere una carenza di esperienza/conoscenza.

Affrontando una conversazione in modo sensibile ma fermo, spesso risulta essere pi� efficace che usare la propria autorit� di amministratore di sistema per ottenere quello che volete. Per esempio, potreste trovarvi nelle circostanze dove � necessario scendere a compromessi. Questi compromessi possono avere la seguente forma:

  • Provvedere ad uno spazio temporaneo

  • Creare dei backup di archivio

  • Arrendersi

� possibile che gli utenti siano in grado di ridurre l'uso di spazio se essi hanno a disposizione una quantit� di spazio temporaneo da poter usare senza restrizioni. Le persone che utilizzano questa soluzione, potranno lavorare senza alcun problema fino al raggiungimento di un limite logico, a questo punto essi potranno eseguire l'eliminazione di file non pi� necessari, e determinare quali sono i file utili presenti nello storage temporaneo.

AttenzioneAvvertenza
 

Se desiderate offrire questa alternativa ad un utente, non cadete nel tranello di trasformarere il suddetto spazio temporaneo in permanente. Siate chiari quando offrite questo tipo di soluzione, chiarendo anche il fatto che non garantite alcuna memorizzazione dei dati; non � disponibile alcun backup di qualsiasi dato presente nello spazio temporaneo.

Infatti, molti amministratori spesso danno risalto a questo fattore, cancellando automaticamente qualsiasi file che presenti una data specifica, all'interno dello storage temporaneo (per esempio, una settimana).

Altre volte gli utenti possono avere file cos� vecchi, che risulta molto improbabile che essi abbiano necessit� di un continuo accesso. Assicuratevi che quanto detto sia effettivamente la situazione sopra indicata. Talvolta alcuni utenti sono responsabili della gestione di un archivio di file molto vecchi; in questi casi, � vostro compito assistere questo tipo di utenti, fornendo backup multipli da trattare in modo simile ai backup di archivio del vostro centro dati.

Tuttavia, ci sono circostanze in cui i dati sono di dubbio valore. In questi casi potreste offrire l'utilizzo di un backup speciale. Eseguite allora il backup dei dati vecchi, e offrite all'utente il media di backup, spiegando loro che essi sono i responsabili del suo mantenimento, e che al momento di accedere ai dati, essi devono rivolgersi a voi (oppure al personale indicato della vostra organizzazione — se appropriato) per il loro ripristino.

Ci sono alcune cose da ricordare in modo tale da non far ricadere ogni responsabilit� su di voi. Come prima cosa non includere i file che con tutta probabilit� hanno bisogno di essere ripristinati, non selezionate file troppo recenti. Successivamente, assicuratevi di essere in grado di eseguire un ripristino di dati nel caso ce ne sia bisogno. Questo significa che il media di backup dovrebbe essere dello stesso tipo di quello che verr� utilizzato nel vostro centro dati.

SuggerimentoSuggerimento
 

La scelta del media di backup dovrebbe tenere in considerazione quelle tecnologie che permettono all'utente stesso di eseguire un ripristino dei dati. Per esempio, anche se il backup di diversi gigabyte su di un media CD-R, risulta essere pi� impegnativo di una emissione di un comando singolo e trasmetterlo su di un nastro da 20GB, considerate il fatto che l'utente deve essere in grado di accedere ai dati sul CD-R ogni qualvolta essi lo desiderino — senza chiedere aiuto a voi.

5.7.1.2. Uso eccessivo da parte di una applicazione

Talvolta una applicazione pu� essere responsabile per un uso eccessivo di spazio. Le ragioni possono variare e possono includere:

  • I miglioramenti della funzionalit� di una applicazione necessitano maggiore spazio

  • Un aumento del numero degli utenti che utilizzano la suddetta applicazione

  • L'applicazione non riesce ad eliminare i file non pi� necessari, lasciando quest'ultimi nel disco

  • L'applicazione non � pi� funzionante in modo corretto, ed il bug presente f� s� che essa utilizzi pi� spazio

Il vostro compito � quello di determinare, facendo riferimento all'elenco riportato, quale dei punti sopra riportati possa essere applicato nella vostra situazione. Facendo attenzione allo stato delle applicazioni utilizzate nel vostro centro dati, potrebbe facilitare il processo di eliminazione di alcuni dei punti sopra riportati. Ci� che rimane da fare � un lavoro di ricerca dello storage. Questa sequenza vi aiuter� ad assottigliare ulteriormente il campo.

A questo punto dovete seguire le fasi appropriate, e cio� l'aggiunta di storage in modo da supportare l'applicazione in questione, contattare gli sviluppatori dell'applicazione, in modo da discutere le caratteristiche di gestione del file, oppure scrivere alcuni script in grado di eliminare i file che non sono pi� desiderati.

5.7.1.3. Aumento normale nel suo utilizzo

Molte organizzazioni con il passare del tempo tendono ad aumentare il loro volume di lavoro. Per questo motivo � facile prevedere un aumento dell'utilizzo dello storage . In quasi tutte le occasioni, un controllo continuo � in grado di rivelare la percentuale di utilizzo dello storage della vostra organizzazione; questa percentuale pu� essere utilizzata per determinare il tempo necessario per ottenere dello storage aggiuntivo, prima che il vostro spazio disponibile venga consumato.

Se vi trovate nella situazione in cui non avete sufficiente spazio, ci� vorr� dire che non avete eseguito correttamente il vostro lavoro.

Tuttavia, � possibile che si verifichi una improvvisa ed elevata richiesta di storage. Per esempio se la vostra organizzazione si sia unita con un'altra entit�, necessitando cos� di modifiche rapide nell'infrastruttura IT (tradotto quindi in storage). Oppure tale richiesta possa essere determinata dalla presenza di un progetto molto importante. Le modifiche ad una applicazione esistente potrebbero richiedere un aumento dello spazio del vostro storage.

Non ha importanza quale motivo possa causare un aumento della richiesta di spazio per il vostro storage, ci saranno sempre dei momenti in cui sarete presi di sorpresa, cercate quindi di configurare l'architettura del vostro storage in modo da ottenere sempre la massima flessibilit�. Avere sempre dello spazio di riserva (se possibile), potrebbe alleviare l'impatto dovuto alla presenza di eventi non pianificati.

5.7.2. Problematiche riguardanti il disk quota

Spesso la prima cosa alla quale ci si riferisce pensando al disk quotas � quella di utilizzarlo per forzare gli utenti a mantenere le proprie directory in modo ordinato. Mentre quanto appena detto potrebbe essere vero per alcuni siti, esso potrebbe essere utile per affrontare, da una prospettiva diversa, il problema riguardante lo spazio presente sul disco. Cosa fare per affrontare il problema delle applicazioni che per qualche ragione consumano troppo spazio? Purtroppo non � raro il verificarsi di tale problema, in questi casi i disck quota sono in grado di limitare il danno causato da tali applicazioni, arrestandole prima di esaurire lo spazio disponibile.

La parte pi� difficile per quanto riguarda l'implementazione e la gestione dei disk quota ruota intorno ai loro limiti. Quali dovrebbero essere? Un approccio alquanto semplicistico sarebbe quello di dividere lo spazio del disco per il numero degli utenti e/o gruppi che ne fanno uso, usando il numero risultante come il per-user quota. Per esempio, se il sistema possiede una unit� disco di 100GB e 20 utenti, ad ogni utente deve essere conferito un disk quota che non sia maggiore di 5GB. In questo modo, verranno garantiti ad ogni utente 5GB (anche se il disco sar� 100%).

Per i sistemi operativi che lo supportano, i quota temporanei potrebbero essere impostati con un valore ancora pi� elevato — diciamo 7.5GB, con il quota permanente fisso a 5GB. Questo approccio presenta il beneficio di permettere agli utenti un consumo fisso pari alla percentuale del disco, pur avendo una certa flessibilit� quando un utente raggiunge (ed eccede) il proprio limite. Quando si usano i disk quota in questo modo, significa impegnare oltremodo lo spazio disponibile. Il quota temporaneo � 7.5GB. Se tutti e 20 gli utenti eccedono il proprio quota permanente nello stesso momento, e cercano di usare il proprio quota temporaneo, il valore precedentemente indicato di 100GB del disco, dovr� essere invece di 150GB.

In pratica non tutti eccedono il proprio limite nello stesso istante, rendendo tale approccio molto utile. Naturalmente, la selezione dei quota permanenti e temporanei dipende dall'amministratore del sistema, in quanto ogni sito e ogni community sono diversi tra loro.

5.7.3. Problematiche relative al file

Gli amministratori di sistema spesso devono affrontare delle problematiche relative al file. Queste problematiche possono includere:

  • L'accesso del file

  • File Sharing

5.7.3.1. L'accesso del file

Le problematiche relative all'accesso del file si identificano generalmente in uno scenario — e cio� un utente non � in grado di accedere ad un file credendo invece di aver diritto all'accesso.

Spesso succede che l'utente #1 desidera dare una copia di un file all'utente #2. In molte organizzazioni, l'abilit� di un utente di accedere ai file di un altro utente � un processo molto breve, che scaturisce il suddetto problema.

Per questo motivo sono disponibili tre diversi approcci:

  • L'utente #1 esegue le modifiche necessarie per permettere all'utente #2 di accedere il file se lo stesso � esistente.

  • Per tale scopo viene creata un'area di scambio; l'utente #1 posiziona l� una copia del file, il quale pu� essere copiata dall'utente #2.

  • L'utente #1 utilizza l'email per dare all'utente #2 una copia del file.

Vi � comunque un problema con il primo approccio — a seconda di come si garantisce l'accesso; l'utente #2 potrebbe avere un accesso completo a tutti i file dell'utente #1. Ancora peggio, l'accesso potrebbe essere stato strutturato in modo da permettere a tutti gli utenti presenti nella vostra organizzazione, di accedere ai file dell'utente #1. Una situazione peggiore potrebbe essere quella in cui l'utente #2 non ha pi� bisogno di tale accesso, lasciando i file dell'utente #1 accessibili a tutti gli altri utenti. Sfortunatamente, quando gli utenti sono responsabili di questo tipo di situazione, generalmente la sicurezza non ha per loro molta importanza.

Il secondo approccio elimina il problema precedentemente indicato, e cio� i file dell'utente #1 non sono pi� accessibili da parte di altri utenti. Tuttavia, quando i file si trovano nell'area di scambio, essi possono essere letti (e a seconda dei permessi, possono essere anche modificati) da tutti gli utenti. Questo tipo di approccio risalta la possibilit� che l'area di scambio dei file venga saturata, in quanto gli utenti spesso si dimenticano di ripulirla dai propri file.

Il terzo approccio, anche se potrebbe sembrare un p� imbarazzante, potrebbe risultare quello pi� idoneo in molte situazioni. Con l'avvento dei protocolli standard delle email e con programmi molto pi� intelligenti, l'invio di file tramite email � divenuto una operazione molto semplice, che non necessita alcun coinvolgimento dell'amministratore. Naturalmente, si potrebbe verificare l'eventualit� che un utente invii un file database da 1GB al personale del dipartimento delle finanze il quale � composto da 150 unit�, per questo motivo � importantissimo educare i propri utenti (e possibilmente informarli dei limiti sugli allegati delle email).

5.7.3.2. File Sharing

Quando utenti multipli hanno la necessit� di condividere la copia di un file, permettere l'accesso modificando i permessi del file, generalmente non rappresenta la cosa migliore da fare. � preferibile rendere pubblico lo stato del file condiviso. Ci sono diverse ragioni per fare quanto sopra descritto:

  • I file condivisi che si trovano all'esterno della directory di un utente, possono scomparire quando, per esempio, un utente abbandona l'organizzazione oppure riordina i propri file.

  • Mantenere l'accesso condiviso per pi� di uno o due utenti aggiuntivi diventa difficile, esso infatti pu� creare il problema di un lavoro aggiuntivo, richiesto quando gli utenti che condividono l'accesso modificano i loro compiti.

Quindi l'approccio preferito � il seguente:

  • L'utente originale rinuncia all'ownership diretto del file

  • Creare un gruppo che possiede il file

  • Posizionare il file in una directory condivisa posseduta dal gruppo

  • Rendere tutti gli utenti che hanno bisogno di accedere al file, parte del gruppo

Naturalmente, questo tipo di approccio funziona bene sia per file multipli e sia con file singoli, e pu� essere utilizzato per implementare lo storage condiviso per progetti pi� complessi.

5.7.4. Aggiunta/rimozione dello storage

Poich� la richiesta di spazio addizionale � sempre una costante, l'amministratore di sistema spesso ha bisogno di reperire maggiore spazio, questo pu� essere eseguito rimuovendo unit� pi� piccole e obsolete. Questa sezione fornisce una panoramica del processo di base per l'aggiunta e la rimozione dello storage.

NotaNota bene
 

Su molti sistemi operativi, i dispositivi mass storage sono identificati a seconda del loro collegamento fisico al sistema. Quindi, aggiungendo e rimuovendo i dispositivi mass storage, ne consegue una modifica dei nomi del dispositivo. Quando aggiungete o rimuovete il vostro storage, assicuratevi sempre di rivedere (e aggiornare, se necessario) tutti i riferimenti al nome del dispositivo utilizzato dal vostro sistema operativo.

5.7.4.1. Aggiunta dello storage

Il processo per l'aggiunta dello storage ad un sistema, � relativamente semplice. Di seguito vengono riportate le fasi di base:

  1. Installazione dell'hardware

  2. Partizionamento

  3. Formattazione delle partizioni

  4. Aggiornamento della configurazione del sistema

  5. Modifica del programma di backup

Le seguenti sezioni affrontano le suddette fasi in modo pi� dettagliato.

5.7.4.1.1. Installazione dell'hardware

Prima di tutto l'unit� disco deve essere presente e accessibile. Anche se sono disponibili diverse configurazioni hardware, le seguenti sezioni affrontano le situazioni pi� comuni — aggiungendo una ATA o una unit� disco SCSI. Anche con altre configurazioni, sono sempre valide le fasi di base qui riportate.

SuggerimentoSuggerimento
 

Non ha importanza quale hardware utilizzate, dovete sempre tener presente il carico che la nuova unit� disco aggiunge al sottosistema I/O del vostro computer. In generale, dovreste provare a distribuire il carico I/O del disco su tutti i canali/bus disponibili. Dal punto di vista della prestazione, questa operazione risulta essere migliore rispetto a quella di mettere tutte le unit� disco su di un canale, lasciando un altro canale vuoto in posizione idle.

5.7.4.1.1.1. Aggiunta delle unit� disco ATA

Le unit� disco ATA sono molto usate nei desktop e nei sistemi server di tipo lower-end. Quasi tutti i sistemi in queste classi, possiedono dei controller ATA interni con canali ATA multipli — normalmente due o quattro.

Ogni canale � in grado di supportare due dispositivi — uno master ed uno slave. I due dispositivi sono collegati al canale per mezzo di un cavo singolo. Per questo motivo, la prima fase � quella di vedere quali canali possiedono uno spazio disponibile in grado di ospitare una unit� disco aggiuntiva. � possibile il verificarsi di una delle seguenti situazioni:

  • � presente un canale con una sola unit� disco collegata ad esso

  • � presente un canale con nessuna unit� disco collegata ad esso

  • Non vi � alcuno spazio disponibile

La prima situazione � quella generalmente pi� semplice, in quanto � possibile che il cavo gi� presente possieda un connettore non utilizzato nel quale la nuova unit� disco pu� essere collegata. Tuttavia, se il cavo possiede solo due connettori (uno per il canale ed uno per l'unit� disco precedentemente installata), allora risulta essere necessario sostituire il cavo esistente con un modello a tre connettori.

Prima di installare la nuova unit� disco, assicuratevi che le due unit� disco che condividono il canale, siano configurate in modo corretto (una come master, e l'altra come slave).

La seconda situazione risulta essere un p� pi� complessa, solo perch� � necessario procurare un cavo in modo da poter collegare una unit� disco al canale. La nuova unit� disco pu� essere configurata come master o come slave (anche se tradizionalmente la prima unit� su di un canale, � configurata come master).

Nella terza situazione, non � disponibile alcuno spazio per poter implementare una unit� aggiuntiva. Dovete quindi prendere una decisione. Preferite:

  • Acquisire una scheda del controller ATA, e installarla

  • Sostituire una delle unit� disco installate con una pi� nuova e pi� larga

Aggiungere una scheda comporta il controllo della compatibilit� dell'hardware e del software. Sostanzialmente la scheda deve essere compatibile con l'alloggiamento del bus del vostro computer, e deve essere disponibile un alloggiamento per la suddetta scheda, la quale deve essere supportata dal sistema operativo. La sostituzione di una unit� disco presenta un unico problema: cosa fare con i dati presenti sul disco? In questo caso ci sono alcuni approcci possibili:

  • Scrivere i dati su di un dispositivo di backup e ripristinarlo dopo l'installazione di una nuova unit� disco

  • Utilizzate la vostra rete per copiare i dati su di un altro sistema che presenta uno spazio sufficiente, ripristinando i dati installati sulla nuova unit� disco

  • Utilizzare lo spazio fisico occupato da una terza unit� disco per:

    1. Rimuovere momentaneamente la terza unit� disco

    2. Installare temporaneamente la nuova unit� disco al suo posto

    3. Copiare i dati su di una nuova unit� disco

    4. Rimuovere la vecchia unit� disco

    5. Sostituirla con la nuova unit�

    6. Installare nuovamente la terza unit� disco momentaneamente rimossa

  • Installare temporaneamente l'unit� disco originale e la nuova unit� su di un altro computer, copiare i dati su di una nuova unit�, e poi installarla sul computer originale

Come potete vedere, talvolta bisogna impegnarsi leggermente per posizionare i dati (ed il nuovo hardware) nel posto corretto.

5.7.4.1.1.2. Aggiunta delle unit� disco SCSI

Le unit� disco SCSI vengono usate normalmente nelle workstation di tipo higher-end e sistemi server. Diversamente dai sistemi 'ATA-based', i sistemi SCSI possono o meno, avere dei controller SCSI interni; altri invece utilizzano una scheda del contrellor SCSI separata.

Le capacit� dei controller SCSI (sia interni che esterni), possono variare. Possono fornire un bus SCSI di tipo 'wide' oppure di tipo 'narrow'. La velocit� del bus pu� essere normale, veloce, ultra, utra2, o ultra160.

Se questi termini vi risultano poco familiari (essi sono stati affrontati brevemente nella Sezione 5.3.2.2), allora dovreste determinare le capacit� della vostra configurazione hardware, e selezionare l'unit� disco appropriata. La migliore fonte per queste informazioni � rappresentata dalla documentazione del vostro sistema e/o dell'adattatore SCSI.

Successivamente � necessario determinare il numero di bus SCSI disponibili sul vostro sistema, e quali possiedono sufficiente spazio per una nuova unit� disco. Il numero di dispositivi supportati da un bus SCSI, varia a seconda della larghezza del bus:

  • Bus SCSI narrow (8-bit) — 7 dispositivi (pi� il controller)

  • Bus SCSI Wide (16-bit) — 15 dispositivi (pi� il controller)

La prima fase � quella di controllare quale bus possiede uno spazio sufficiente per una unit� disco aggiuntiva. Ecco le situazioni che si possono verificare:

  • � presente un bus con un numero inferiore rispetto alla capacit� massima, di unit� disco ad esso collegate

  • � presente un bus con nessuna unit� disco collegata

  • Non vi � alcuno spazio disponibile

La prima situazione � quella pi� semplice, in quanto � possibile che il cavo abbia un connettore non utilizzato nel quale � possibile collegare la nuova unit� disco. Tuttavia, se il cavo in uso non possiede il suddetto connettore, allora � necessario sostituire il cavo esistente con uno che possiede almeno un connettore in pi�.

La seconda situazione � un p� pi� complessa, solo perch� � necessario procurare un cavo in modo tale da poter collegare una unit� disco al bus.

Se invece non vi � alcuno spazio disponibile per una unit� disco aggiuntiva, allora dovete prendere una decisione. Desiderate:

  • Acquistare e installare una scheda del controller SCSI

  • Sostituire una unit� installata con una nuova unit�, pi� grande

Aggiungere una scheda del controller comporta un controllo della compatibilit� hardware e della capacit� fisica e software. Sostanzialmente la scheda deve essere compatibile con l'alloggiamento del bus del vostro computer, deve essere disponibile un alloggiamento per la suddetta scheda, la quale deve essere supportata dal sistema operativo.

La sostituzione di una unit� disco precedentemente installata presenta un unico problema: cosa fare con i dati presenti sul disco? Vi sono alcuni approcci in tal senso:

  • Scrivere i dati su di un dispositivo di backup, e ripristinarli dopo aver installato la nuova unit� disco

  • Usare la vostra rete in modo da copiare i dati su di un altro sistema che abbia uno spazio sufficiente, e ripristinarli dopo aver installato la nuova unit� disco

  • Utilizzare lo spazio fisico occupato da una terza unit� disco per:

    1. Rimuovere momentaneamente la terza unit� disco

    2. Installare temporaneamente la nuova unit� disco al suo posto

    3. Copiare i dati su di una nuova unit� disco

    4. Rimuovere la vecchia unit� disco

    5. Sostituirla con la nuova unit�

    6. Installare nuovamente la terza unit� disco momentaneamente rimossa

  • Installare temporaneamente l'unit� disco originale e la nuova unit� su di un altro computer, copiare i dati su di una nuova unit�, e poi installarla sul computer originale

Una volta disponibile un connettore per mezzzo del quale � possibile collegare la nuova unit� disco, assicuratevi che l'ID SCSI dell'unit� sia impostato in modo corretto. Per fare questo dovete essere a conoscenza dell'ID SCSI utilizzato (incluso il controller) dai dispositivi presenti sul bus. Il modo pi� semplice per fare quanto detto, � quello di accedere al BIOS del controller SCSI. Ci� pu� essere fatto piagiando una sequenza di tasti durante l'accensione del sistema. Potete cos� visualizzare la configurazione del controller SCSI, insieme con i dispositivi collegati a tutti i suoi bus.

Successivamente, dovreste considerare di terminare il bus in modo corretto. Quando aggiungete una nuova unit� disco, la regola � molto semplice — se la nuova unit� disco � l'ultimo dispositivo (oppure il solo dispositivo) presente sul bus, la sua terminazione deve essere abilitata, in caso contrario � necessario disabilitarla.

A questo punto, passate alla fase successiva — partizionare la vostra nuova unit� disco.

5.7.4.1.2. Partizionamento

Una volta installata la nuova unit� disco, � necessario creare una o pi� partizioni in modo da ottenere uno spazio idoneo per il vostro sistema operativo. Anche se i tool variano in base al sistema operativo, le fasi di base sonoo le stesse:

  1. Selezionare la nuova unit� disco

  2. Visualizzare la nuova tabella di partizionamento dell'unit� disco, in modo da assicurarsi che l'unit� disco da partizionare sia quella corretta

  3. Cancellate ogni partizione non desiderata che possa essere gi� presente nella nuova unit� disco

  4. Create la nuova partizione, assicuratevi di specificarne la dimensione ed il tipo

  5. Salvate i vostri cambiamenti e uscite dal programma di partizionamento

AttenzioneAvvertenza
 

Quando partizionate la vostra nuova unit� disco, � necessario assicurarsi che l'unit� da partizionare sia quella corretta. In caso contrario, potreste partizionare una unit� gi� in uso, causando una perdita di dati.

Assicuratevi altres� che abbiate precedentemente deciso la misura di partizionamento migliore. Affrontate questa fase in modo appropriato, in quanto la modifica della misura in un secondo momento, potrebbe risultare un processo molto difficoltoso.

5.7.4.1.3. Formattare le partizioni

A questo punto, la nuova unit� disco pu� presentare una o pi� partizioni. Tuttavia prima di utilizzare lo spazio contenuto all'interno delle partizioni, esse devono essere formattate. Eseguendo tale operazione, non farete altro che selezionare il file system da utilizzare all'interno di ogni partizione. Tale fase risulta essere molto importante nella vita di una unit�; le scelte fatte potranno essere modificate, ma ricordate che per fare ci� � richiesta una grandissima mole di lavoro.

Il processo vero e proprio di formattazione viene fatto eseguendo un programma utility; le fasi coinvolte per fare ci�, variano a seconda del sistema operativo. Una volta completato il processo di formattazione, l'unit� disco � pronta all'uso.

Prima di continuare � consigliato controllare il lavoro fatto, per fare ci� accedere alle partizioni e assicuratevi che tutto sia in ordine.

5.7.4.1.4. Aggiornamento della configurazione del sistema

Se il vostro sistema operativo necessita delle modifiche riguardanti la sua configurazione, in modo da utilizzare il nuovo storage che avete appena aggiunto, adesso � il momento opportuno.

A questo punto potete essere relativamente sicuri che il sistema operativo sia configurato in modo corretto, in modo tale da poter rendere accessibile il nuovo storage in modo automatico ogni qualvolta il sistema viene avviato (anche se siete in grado di riavviare il vostro sistema in modo rapido, esso non presenta alcun problema —).

La sezione successiva affronta una delle fasi del processo per l'aggiunta di un nuovo storage, che molto spesso viene dimenticata.

5.7.4.1.5. Modifica del programma di backup

Considerando che lo storage contenga dati utili, questo � il momento giusto per eseguire le modifiche necessarie per quanto riguarda le vostre procedure di backup, e per assicurarsi che venga eseguito il backup del nuovo storage. La natura esatta di quello che � necessario eseguire, dipende dal modo con il quale il vostro sistema esegue i backup. Tuttavia ecco alcuni punti da considerare durante l'esecuzione delle modifiche necessarie:

  • Considerate quale debba essere la frequenza di backup ottimale

  • Determinate lo stile di backup pi� appropriato (solo backup completi, completi con incrementi, completi con differenziali, ecc)

  • Considerate l'impatto dello storage aggiuntivo sull'utilizzo del vostro media di backup, in modo particolare nel corso della sua saturazione

  • Giudicate se il backup aggiuntivo possa causare l'aumento del tempo necessario per eseguire un processo di backup, andando cos� altre il limite della vostra finestra di backup

  • Assicuratevi che i suddetti cambiamenti vengano comunicati al personale pertinente (altri amministratori di sistema, personale operativo ecc.)

Una volta fatto tutto questo, il vostro nuovo storage � pronto per l'uso.

5.7.4.2. Rimozione dello storage

La rimozione dello spazio presente sul disco � un processo molto semplice, con la maggior parte delle fasi molto simili alla sequenza d'installazione:

  1. Rimuovete tutti i dati da salvare fuori dall'unit� disco

  2. Modificate il programma di backup in modo tale che non vi sia pi� un backup dell'unit� disco

  3. Aggiornate la configurazione del sistema

  4. Cancellate i contenuti dell'unit� disco

  5. Rinuovere l'unit� disco

Come potete notare, paragonato al processo di installazione, ci sono delle fasi aggiuntive. Queste fasi vengono affrontate nelle seguenti sezioni.

5.7.4.2.1. Rimuovete tutti i dati dall'unit� disco

Se sono presenti sull'unit� disco alcuni dati che necessitano di essere salvati, la prima cosa da fare � quella di determinare il luogo per la loro conservazione. Questa decisione dipende principalmente dal loro uso. Per esempio, se i dati non devono pi� essere usati, essi dovrebbero essere archiviati nello stesso modo dei backup del vostro sistema. Ci� significa che ora risulta essere il momento pi� opportuno, per considerare i periodi di memorizzazione pi� appropriati per questo processo di backup finale.

SuggerimentoSuggerimento
 

Ricordate che in aggiunta alle direttive di qualsiasi memorizzazione dei dati presenti nella vostra organizzazione, ci potrebbero essere anche dei requisiti legali per la memorizzazione dei dati stessi. Per questo motivo, assicuratevi di consultare la sezione responsabile durante l'utilizzo dei suddetti dati; tale sezione dovrebbe essere a conoscenza di tale periodo.

D'altro canto, se i dati sono ancora in uso, gli stessi dovrebbero essere conservati sul sistema pi� appropriato. Naturalmente, se questo � il caso, risulterebbe essere pi� semplice muovere i dati, reinstallando l'unit� disco sul nuovo sistema. Se decidete di seguire questo approccio, � consigliato eseguire un backup completo dei dati — molte persone camminando attraverso un centro dati, hanno perso dati utilissimi, solo perch� hanno urtato violentemente alcune unit� disco.

5.7.4.2.2. Cancellare i contenuti dell'unit� disco

Non ha importanza se l'unit� conservi dati pi� o meno importanti, � sempre consigliato cancellare i contenuti prima di riassegnare o rinunciare al loro controllo. Mentre la ragione pi� ovvia � di assicurarsi di non lasciare informazioni sensibili sull'unit�, esso risulta essere il momento migliore per controllare lo stato dell'unit�, eseguendo una prova di lettura-scrittura per la ricerca di blocchi non corretti attraverso l'intera unit�.

ImportanteImportante
 

Molte compagnie (e agenzie governative), presentano metodi specifici per la cancellazione dei dati dalle unit� disco, da altri media e per la loro conservazione. In questo caso assicuratevi sempre di aver capito e seguito questi requisiti; in molti casi se non si osservano i suddetti requisiti, si pu� andare incontro a problemi legali. L'esempio sopra riportato non dove essere considerato il metodo ultimo per la cancellazione dei dati da una unit�.

In aggiunta le organizzazioni che lavorano con dati classificati, per poter disinstallare l'unit� disco, devono osservare delle procedure legali ben specifiche (come ad esempio la sua distruzione fisica). In queste circostanze l'ufficio responsabile per la sicurezza delle informazioni della vostra organizzazione,, dovrebbe essere in grado di assistervi in questo processo.

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire