Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

NOTE: CentOS Enterprise Linux is built from the Red Hat Enterprise Linux source code. Other than logo and name changes CentOS Enterprise Linux is compatible with the equivalent Red Hat version. This document applies equally to both Red Hat and CentOS Enterprise Linux.
Linuxtopia - CentOS Enterprise Introduzione al System Administration - Memoria virtuale e fisica

Capitolo 4. Memoria virtuale e fisica

Al giorno d'oggi i computer preposti ad un uso generale, vengono identificati come stored program computers. Come indica il nome, gli stored program computer caricano le istruzioni (la creazione di blocchi di programmi), all'interno di storage interni dove in seguito possono eseguire le suddette istruzioni.

Gli stored program computer, utilizzano per i propri dati lo stesso storage. Questo � in contrasto ai computer che utilizzano la loro configurazione hardware per controllare la loro funzionalit� (come ad esempio i vecchi computer basati su di un pannello di connessione).

Il luogo dove i programmi sono stati conservati sui primi stored program computer, poteva presentare diversi nomi e utilizzare molteplici tecnologie. Dai puntini su di un tubo catodico, alla pressione di impulsi nelle colonne di mercurio. Fortunatamente, i computer moderni utilizzano delle tecnologie che rendono possibile una capacit� di conservazione migliore con una misura minore.

4.1. Percorsi per l'accesso allo storage

Una cosa da ricordare durante questo capitolo, � che i computer cercano di accedere allo storage in determinati modi. Di fatti la maggior parte degli accessi per lo storage, tendono a mostrare uno (o entrambi) dei seguenti attribbuti:

  • L'accesso tende ad essere sequenziale

  • L'accesso tende ad essere localizzato

Accesso sequenziale significa che se la CPU accede l'indirizzo N, � probabile che l'indirizzo N+1 verr� accesso successivamente. Ci� ha un certo senso, in quanto molti programmi consistono in sezioni larghe di istruzioni, eseguite — in ordine — uno dopo l'altra.

Accesso localizzato significa che se si accede all'indirizzo X, � probabile che altri indirizzi presenti intorno a X saranno accessibili in futuro.

Questi attributi sono cruciali perch� permettono di avere uno storage pi� veloce e pi� piccolo invece di uno pi� grande e pi� lento. Questo rappresenta la base per implementare una memoria virtuale. Ma prima di discutere di memoria virtuale, dobbiamo esaminare le diverse tecnologie storage attualmente in uso.

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire