Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

8.1.4 "Voglio disabilitare X al boot!"

Avere unstable/sid � divertente, ma xdm, gdm, kdm, e wdm difettosi lanciati durante il boot possono fare molto male.

Primo, guadagnate la shell di root digitando quanto segue al prompt del boot:

     boot: Linux vga=normal s

Dove Linux � l'etichetta per l'immagine del kernel che andate a lanciare, "vga=normal" vi assicura che lilo si esegue in uno schermo normale VGA ed "s" (o "S") � il parametro dato ad init per invocare la modalit� singolo utente. Al prompt date la password di root.

Esistono vari modi per disabilitare tutti i demoni che lanciano X:

  • eseguite update-rc.d ?dm stop 99 1 2 3 4 5 6 .

  • inserite "exit 0" all'inizio di tutti i file /etc/init.d/?dm.

  • rinominate tutti i file /etc/rc2.d/S99?dm /etc/rc2.d/K99?dm.

  • rimuovete tutti i file /etc/rc2.d/S99?dm.

  • eseguite :>/etc/X11/default-display-manager

Qui il numero in rc2.d deve corrispondere al runlevel specificato in /etc/inittab. ?dm significa tutti gli xdm, gdm, kdm, e wdm.

L'unico, vero modo Debian � il primo della lista. L'ultimo � semplice, ma funziona solo sulla Debian e richiede una nuova impostazione in seguito tramite dpkg-reconfigure. Gli altri sono metodi generici per disabilitare i demoni.

Avete sempre la possibilit� di lanciare X con il comando startx da qualsiasi shell.


Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire