Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

3.1.11 Creare i filesystem


3.1.11.1 Partizionare il disco rigido

Per limitare i danni in caso di blocco del sistema, preferisco tenere partizioni diverse per directory diverse. Per esempio,

     /          == (/ + /boot + /bin + /sbin)
                == 50MB+
     /tmp       == 100MB+
     /var       == 100MB+
     /home      == 100MB+
     /usr       == 700MB+ con X
     /usr/local == 100MB

Le dimensioni della directory /usr dipendono strettamente dal tipo di applicazione X window. /usr pu� essere di soli 300MB per la sola console, mentre 2GB–3GB non sono inusuali se si vogliono installare varie applicazioni di Gnome. Quando /usr diventa troppo grande, la cura pi� efficace � spostare /usr/share/ in una partizione diversa. Con i nuovi kernel 2.4 pre-impacchettati, / pu� avere bisogno di pi� di 200MB di spazio.

Per esempio, la configurazione attuale della mia macchina che funge da Internet gateway, � la seguente (output del comando df -h):

     Filesystem            Size  Used Avail Use% Mounted on
     /dev/hda3             300M  106M  179M  38% /
     /dev/hda7             100M   12M   82M  13% /home
     /dev/hda8             596M   53M  513M  10% /var
     /dev/hda6             100M  834k   94M   1% /var/lib/cvs
     /dev/hda9             596M  222M  343M  40% /usr
     /dev/hda10            596M  130M  436M  23% /var/cache/apt/archives
     /dev/hda11            1.5G  204M  1.2G  14% /var/spool/squid

(Le grosse dimensioni di /var/spool/squid sono per la funzione di proxy cache e per lo scarico dei pacchetti).

Per dare un'idea della struttura delle partizioni, il seguente � il risultato di fdisk -l:

     # fdisk -l /dev/hda # commenti
     
     /dev/hda1             1        41    309928+   6  FAT16 # DOS
     /dev/hda2            42        84    325080   83  Linux # (not used)
     /dev/hda3   *        85       126    317520   83  Linux # Main
     /dev/hda4           127       629   3802680    5  Extended
     /dev/hda5           127       143    128488+  82  Linux swap
     /dev/hda6           144       157    105808+  83  Linux
     /dev/hda7           158       171    105808+  83  Linux
     /dev/hda8           172       253    619888+  83  Linux
     /dev/hda9           254       335    619888+  83  Linux
     /dev/hda10          336       417    619888+  83  Linux
     /dev/hda11          418       629   1602688+  83  Linux

Ci sono alcune partizioni inutilizzate. Queste servono per installare una seconda distribuzione di Linux, o come spazio per espandere qualche directory in crescita.


3.1.11.2 Montare i filesystem

Il montaggio appropriato delle partizioni avviene mediante il seguente /etc/fstab:

     
     # /etc/fstab: static file system information.
     #
     # filesystem    mount point     type    options                dump pass
     /dev/hda3       /               ext2    defaults,errors=remount-ro 0 1
     /dev/hda5       none            swap    sw                      0 0
     proc            /proc           proc    defaults                0 0
     /dev/fd0        /floppy         auto    defaults,user,noauto    0 0
     /dev/cdrom      /cdrom          iso9660 defaults,ro,user,noauto 0 0
     #
     # mantenete le partizioni separate 
     /dev/hda7       /home           ext2    defaults                0 2
     /dev/hda8       /var            ext2    defaults                0 2
     /dev/hda6       /var/lib/cvs    ext2    defaults                0 2
     # noatime accelera l'accesso ai file in lettura
     /dev/hda9       /usr            ext2    defaults,noatime        0 2
     /dev/hda10      /var/cache/apt/archives ext2    defaults        0 2
     # una partizione molto grande come proxy cache
     /dev/hda11      /var/spool/squid ext2   rw                      0 2
     
     # DOS avviabile di backup 
     /dev/hda1       /mnt/dos        vfat    rw,noauto               0 0
     # Linux avviabile di backup (non ancora fatto) 
     /dev/hda2       /mnt/linux      ext2    rw,noauto               0 0
     #
     # nfs mounts
     mickey:/        /mnt/mickey     nfs     ro,noauto,intr          0 0
     goofy:/         /mnt/goofy      nfs     ro,noauto,intr          0 0
     # minnie:/ /mnt/minnie smbfs ro,soft,intr,credentials={filename} 0 2

Per NFS, uso qui le opzioni noauto,intr combinate con quella di default hard. In tal modo, un processo che si blocca in seguito alla perdita di connessione pu� essere recuperato mediante Control-C.

Usare rw,auto,soft,intr per macchine Windows connesse tramite Samba (smbfs), pu� essere una buona idea. Vedere Configurare Samba, Sezione 3.5.

Per i floppy, utilizzare noauto,rw,sync,user,exec previene la corruzione dei file in caso di rimozione accidentale del disco prima di averlo smontato, per� rallenta il processo di scrittura.


3.1.11.3 Montaggio con autofs

Punti chiave per il montaggio automatico (auto mount):

  • Caricare il modulo vfat per permettere a /etc/auto.misc di contenere -fstype=auto:

         # modprobe vfat # prima del tentativo di accedere al floppy
          ... oppure automatizzate il processo,
         # echo "vfat" >> /etc/modules
          ... e riavviate il sistema.
    
  • Impostate /etc/auto.misc come segue:

         floppy -fstype=auto,sync,nodev,nosuid,gid=100,umask=000 :/dev/fd0
          ... dove gid=100 � "users".
    
  • Create i collegamenti in /home/user, cdrom e floppy, che puntino a /var/autofs/misc/cdrom e /var/autofs/misc/floppy, rispettivamente.

  • Rendete user membro del gruppo "users".


3.1.11.4 Montaggio del NFS

Il server esterno NFS (goofy) risiede dietro un firewall (gateway). Dato che sono l'unico ad usarla, ho delle regole di sicurezza sulla LAN molto rilassate. Per abilitare l'accesso NFS, il server NFS necessita di aggiungere /etc/exports come segue:

     # /etc/exports: lista di controllo degli accessi per filesystem che possono
     #               essere esportati ai client NFS. Vedere exports(5).  
     /       (rw,no_root_squash)

Ci� � richiesto per attivare il server NFS, in aggiunta all'installazione e ad attivazione del server/client NFS.

Per semplicit�, in genere creo un partizione singola di circa 2GB per installazioni sperimentali e/o secondarie di linux. Opzionalmente condivido le partizioni di swap e /tmp. Per questi scopi lo schema a partizioni multiple � eccessivo. Se vi serve un semplice sistema a console, bastano 500MB.


Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire