Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions
Privacy Policy

  




 

 

Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

10.2.4 Configurare un'interfaccia PPP

Se accedete ad Internet attraverso un modem connesso alla linea telefonica analogica, allora la connessione viene negoziata mediante il Protocollo Punto-a-Punto (PPP). Si accede a tali connessioni come interfacce di rete ppp0, ppp1 e cos� via.

L'interfaccia PPP viene gestita dal demone pppd, fornito dal pacchetto ppp. Ergo, per l'utente, configurare l'interfaccia PPP significa configurare pppd.


10.2.4.1 Configurare pppd manualmente

Affinch� una connessione di rete venga stabilita, si deve aprire una porta di comunicazione (in genere seriale), devono essere dati dei comandi ad un dispositivo di comunicazione (in gener un modem), si deve fare il numero telefonico, ci si deve autenticare presso un demone PPP esterno, si deve creare un'interfacia PPP e le tabelle di reindirizzamento devono essere modificate cos� che il traffico venga inviato sulla connessione. pppd fa tutto ci� e, di conseguenza, ha un elenco molto lungo di opzioni operative. Esse sono descritte in pppd(8).

Su un sistema Debian, le opzioni globali vengono impostate in /etc/ppp/options. Quelle specifiche per l'utente in ~/.ppprc. Quelle che dipendono dalla porta utilizzata vengono immagazzinate in /etc/ppp/options.nomeporta. Per esempio, ammettiamo che abbiate due modem—uno interno, Lucent LT modem, a cui si accede tramite /dev/LT-modem ed uno esterno, a cui si accede tramite /dev/ttyS0. Create i seguenti file di opzioni.

     # cat > /etc/ppp/options.LT-modem <<EOF
     115200
     init "/usr/sbin/chat -f /etc/chatscripts/setup-LT-modem"
     EOF
     # cat > /etc/ppp/options.ttyS0 <<EOF
     115200
     init "/usr/sbin/chat -f /etc/chatscripts/setup-ttyS0"
     EOF

Essi fanno riferimento ai seguenti script chat. Il primo, /etc/chatscripts/setup-LT-modem.

     ABORT ERROR
     '' ATZ
     OK 'ATW2X2 S7=70 S11=55'
     OK AT

Il secondo /etc/chatscripts/setup-ttyS0.

     ABORT ERROR
     '' ATZ
     OK 'ATL1M1Q0V1W2X4&C1&D2 S6=4 S7=70 S11=55 S95=63 S109=1 +FCLASS=0'
     OK AT

Il contenuto di questi file dipende dal vostro hardware, naturalmente.

Le opzioni possono essere anche date come argomenti di pppd.

In Debian pppd vien lanciato in genere dal comando pon. Quando si usa pon, il primo argomento chiama un file in /etc/ppp/peers/ che viene letto anche da pppd. [ 56] Qui � dove impostate le opzioni specifiche per un particolare peer—per esempio un particolare Internet Service Provider (ISP).

Supponiamo, per esempio, che viaggiate tra Amstrdam e Den Haag. In ciascuna citt� avete accesso a due ISP—Planet e KPN. Per prima cosa, create un file di opzioni base per ciascun ISP.

     # cat > /etc/ppp/peers/KPN <<EOF
     remotename KPN
     noauth
     user kpn
     noipdefault
     ipparam KPN
     EOF
     # cat > /etc/ppp/peers/Planet <<EOF
     remotename Planet
     auth
     user [email protected]
     noipdefault 
     mru 1000
     mtu 1000
     ipparam Planet
     EOF

Questi file impostano le opzioni che differiscono tra i due ISP. Quelle comuni ai due ISP possono essere messe in /etc/ppp/options o in uno dei file specifici per interfaccia, se appropriato.

Ora create i file per ciascun ISP, in ciascuna citt�. Nel nostro esempio l'unica differenza fra connettersi ad un ISP in un luogo e in un altro sta nel chatscript richiesto. (Essi sono diversi, poich� i numeri di accesso telefonico sono diverso.)

     # cat > /etc/ppp/peers/KPN-Amsterdam <<EOF
     connect "/usr/sbin/chat -v -f /etc/chatscripts/KPN-Amsterdam"
     file /etc/ppp/peers/KPN
     EOF
     # cat > /etc/ppp/peers/KPN-DenHaag <<EOF
     connect "/usr/sbin/chat -v -f /etc/chatscripts/KPN-DenHaag"
     file /etc/ppp/peers/KPN
     EOF
     # cat > /etc/ppp/peers/Planet-Amsterdam <<EOF
     connect "/usr/sbin/chat -v -f /etc/chatscripts/Planet-Amsterdam"
     file /etc/ppp/peers/Planet
     EOF
     # cat > /etc/ppp/peers/Planet-DenHaag <<EOF
     connect "/usr/sbin/chat -v -f /etc/chatscripts/Planet-DenHaag"
     file /etc/ppp/peers/Planet
     EOF

Le direttive file includono ciascuno dei file mostrati prima. La direttiva connect specifica il comando che usa pppd per eseguire la connessione. In genere si usa il programma chat per ci�, adattando il chatscript all'ISP. Ecco quelli per Den Haag; quelli per Amsterdam possono essere simili, tranne che per il numero telefonico, oppure possono differire se l'ISP offre l� i servizi attraverso un'altra compagnia.

     # cat > /etc/chatscripts/KPN-DenHaag <<EOF
     ABORT BUSY
     ABORT 'NO CARRIER'
     ABORT VOICE
     ABORT 'NO DIALTONE'
     ABORT 'NO DIAL TONE'
     ABORT 'NO ANSWER'
     ABORT ERROR
     OK-AT-OK ATDT 0676012321
     CONNECT \d\c
     EOF
     # cat > /etc/chatscripts/Planet-DenHaag <<EOF
     ABORT BUSY
     ABORT 'NO CARRIER'
     ABORT VOICE
     ABORT 'NO DIALTONE'
     ABORT 'NO DIAL TONE'
     ABORT 'NO ANSWER'
     ABORT ERROR
     OK-AT-OK ATDT 0676002505
     CONNECT \d\c
     EOF

Per potervi connettere a questi ISP, avete bisogno dei nomi del client e delle password che pppd possa fornire al peer a richiesta. Questa informazione � contenuta o in /etc/ppp/pap-secrets (se si usa il protocollo PAP) o in /etc/ppp/chap-secrets (se � CHAP). Sebbene CHAP sia pi� sicuro, PAP � ancora pi� largamente usato. Siccome questi file contengono dei dati segreti, gruppo e resto del mondo non dovrebbero avere permessi in lettura o scrittura. Il formato di questi file � spiegato in pppd(8). Un "secret" (terzo campo) viene cercato nel file trovando il nome del client (primo campo) e/o il nome del server (secondo campo). Quando ci si collega ad un ISP, in genere non si conosce il nome del server, cos� si fornisce invece il nome del client; ci� viene fatto nelle righe user in peers/KPN e peers/Planet sopra.

     # client name       server name  secret
     kpn                 *            kpn
     [email protected]  *            myfavoritepet

Vedere /usr/share/doc/ppp/README.Debian.gz per maggiori informazioni.


10.2.4.2 Configurare pppd con pppconfig

Un modo veloce per configurare pppd � tramite il programma pppconfig, fornito dal pacchetto omonimo. pppconfig imposta i file come quelli sopra, dopo aver chiesto all'utente alcune domande, tramite un'interfaccia a menu.


10.2.4.3 Configurare un'interfaccia PPP con wvdial

Un approccio diverso all'uso di pppd � di lanciarlo da wvdial, fornito dal pacchetto wvdial. Invece di far lanciare a pppd chat per aprire e negoziare la connessione, wvdial esegue il numero e la negoziazione iniziale, poi lancia pppd per fare il resto. Dando solo numero telefonico, username e password a wvdial si ha successo nel compiere la connessione nella maggior parte dei casi.


Debian GNU/Linux Reference Guide
Prev Home Next

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire