Follow Techotopia on Twitter

On-line Guides
All Guides
eBook Store
iOS / Android
Linux for Beginners
Office Productivity
Linux Installation
Linux Security
Linux Utilities
Linux Virtualization
Linux Kernel
System/Network Admin
Programming
Scripting Languages
Development Tools
Web Development
GUI Toolkits/Desktop
Databases
Mail Systems
openSolaris
Eclipse Documentation
Techotopia.com
Virtuatopia.com

How To Guides
Virtualization
General System Admin
Linux Security
Linux Filesystems
Web Servers
Graphics & Desktop
PC Hardware
Windows
Problem Solutions

  




 

 

Linuxtopia - Red Hat Enterprise Linux Reference Guide (Italiano) - User Private Group

6.4. User Private Group

Red Hat Enterprise Linux utilizza uno schema user private group (UPG), che semplifica l'utilizzo dei gruppi UNIX.

Un UPG viene creato ogni qualvolta viene aggiunto un nuovo utente al sistema. Un UPG possiede lo stesso nome dell'utente per il quale � stato creato, e solo quel particolare utente � un membro UPG.

Gli UPG garantiscono una impostazione sicura dei permessi di default per file o directory appena create, i quali sono in grado di abilitare sia l'utente che il gruppo di quell'utente ad eseguire modifiche ai file o alle directory in questione.

L'impostazione che determina i permessi applicati ai nuovi file o directory viene chiamata umask, essa viene configurata nel file /etc/bashrc. Tradizionalmente, sui sistemi UNIX la umask022, tale impostazione permette solo all'utente che ha creato il file o la directory, di eseguire le modifiche. Con questo schema tutti gli altri utenti, incluso i membri dell'utente che ha creato il gruppo, non sono abilitati ad eseguire alcuna modifica. Tuttavia, con lo schema UPG, questa "protezione di gruppo" non � necessaria, in quanto ogni utente possiede il proprio gruppo privato.

6.4.1. Directory di gruppo

Molte organizzazioni IT preferiscono la creazione di un gruppo per ogni progetto principale, assegnando successivamente un certo numero di persone, atte all'accesso del suddetto progetto se necessario. Con questo schema tradizionale, la gestione dei file si � rivelata complessa; quando un utente crea un file, quest'ultimo viene associato al gruppo primario a cui appartiene l'utente. Quando un singolo utente lavora su pi� progetti, risulta essere difficile associare i file corretti con il gruppo appropriato. Con lo schema UPG, invece, i gruppi vengono assegnati automaticamente ai file creati all'interno di una directory con il bit setgid impostato. Il bit setgid semplifica notevolmente la gestione dei progetti di gruppo che condividono una directory comune, in quanto qualsiasi file creato da un utente all'interno della directory, viene posseduto dal gruppo che detiene la directory.

Supponiamo, per esempio, che un gruppo di persone lavora sui file nella directory /usr/lib/emacs/site-lisp/. Alcune persone possono modificare la directory ma ovviamente non tutti i componenti del gruppo. Cos� create prima un gruppo emacs, come riportato dal seguente comando:

/usr/sbin/groupadd emacs

Per associare il contenuto della directory al gruppo emacs, digitate:

chown -R root.emacs /usr/lib/emacs/site-lisp

� ora possibile aggiungere gli utenti appropriati al gruppo con il comando gpasswd:

/usr/bin/gpasswd -a <username> emacs

Per abilitare gli utenti a creare file all'interno della directory, usare il seguente comando:

chmod 775 /usr/lib/emacs/site-lisp

Un nuovo file creato viene assegnato al gruppo privato di default dell'utente. Successivamente, impostare al setgid bit, che assegna ogni cosa creata nella directory, lo stesso permesso della directory (emacs). Usare il seguente comando:

chmod 2775 /usr/lib/emacs/site-lisp

A questo punto, perch� l'impostazione di umask � 002, tutti i membri del gruppo emacs possono creare e modificare i file nella directory /usr/lib/emacs/site-lisp/ senza che l'amministratore deve cambiare i permessi del file, ogni qualvolta che gli utenti scrivono nuovi file.

 
 
  Published under the terms of the GNU General Public License Design by Interspire